CONTRIBUTI PRIMA CASA FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2017

By | gennaio 31, 2017
passaggio di soldi

sacco di soldipassaggio di soldi

Normativa

Gli incentivi di “edilizia agevolata” per la prima casa, a favore di privati cittadini, sono previsti dall’articolo 18 della legge regionale 19 febbraio 2016, n. 1 e sono disciplinati da apposito Regolamento di esecuzione approvato con Decreto del Presidente della Regione 13 luglio 2016 n. 144 (DPReg 144/2016).


Prima casa

Nell’ambito degli incentivi di “edilizia agevolata” di cui alla L.R. 1/2016 per “Prima Casa” si intende l’alloggio adibito ad abitazione e residenza anagrafica con dimora abituale dei beneficiari, e avente destinazione d’uso residenziale attribuita alla stessa in coerenza con le prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali.

 

Tipi di intervento finanziabili

Le iniziative per le quali è possibile richiedere il contributo di “edilizia agevolata” sono: il RECUPERO della prima casa, e l’ACQUISTO CON CONTESTUALE RECUPERO della prima casa, come di seguito specificate.

Recupero

Per RECUPERO si intende l’iniziativa attuata dal proprietario o usufruttuario che successivamente alla presentazione della domanda di contributo avvia sull’abitazione uno dei seguenti interventi (così come definiti dalla legge regionale 19/2009):
– RISTRUTTURAZIONE URBANISTICA
– RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA
– RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO
– MANUTENZIONE STRAORDINARIA.


A tali interventi sono equiparati interventi che comprendono ALMENO TRE dei seguenti lavori di manutenzione volti
all’efficientismo energetico o messa a norma di impianti, anche se realizzati su parti comuni degli edifici:
Installazione di impianti solari termici o fotovoltaici
Installazione o sostituzione di caldaie per il riscaldamento con installazione o rifacimento dei relativi impianti
Isolamento termico pareti esterne verticali
Isolamento termico, anche di copertura, di solai
Installazione impianti geotermici.

Acquisto con contestuale recupero

Per ACQUISTO CON CONTESTUALE RECUPERO si intende l’iniziativa volta a:

a) acquisire, successivamente alla presentazione della domanda di contributo l’intera proprietà di una o più unità immobiliari, SU CUI L’ACQUIRENTE EFFETTUA, successivamente alla compravendita, gli interventi di
RECUPERO sopra indicati, al fine di realizzare una sola unità immobiliare.

b) acquisire, successivamente alla presentazione della domanda di contributo, l’intera proprietà di una unità immobiliare, SU CUI LA PARTE VENDITRICE ABBIA EFFETTUATO, almeno uno degli interventi di RECUPERO sopra indicati (con esclusione degli interventi equiparati). Alla data di presentazione della domanda gli interventi di recupero devono essere iniziati da oltre un anno ovvero ultimati da non più di due anni.

 

Spesa sostenuta

I contributi di “edilizia agevolata” sono erogati a fronte di una spesa per la realizzazione degli interventi direttamente sostenuta dal beneficiario e rimasta effettivamente a suo carico non inferiore a 30.000,00 euro. Non concorrono alla determinazione della spesa le spese tecniche, gli oneri fiscali e le spese notarili.

 

Contributo regionale

Gli incentivi di “edilizia agevolata” consistono in contributi in conto capitale, erogati in un’unica soluzione successivamente alla conclusione delle iniziative finanziabili. L’entità dei contributi è la seguente:
a) per l’Acquisto con contestuale recupero: 15.000,00 euro
b) per la Ristrutturazione urbanistica, Ristrutturazione edilizia, il Restauro e risanamento conservativo: 13.000,00 euro
c) per la Manutenzione straordinaria, e per gli “Interventi integrati”: 10.000,00 euro.

Contributi per il ripopolamento dei comuni montani

Nel caso le iniziative siano realizzate in territori di Comuni interamente montani (art. 2 L.R. 33/2002) da parte di richiedenti con residenza anagrafica a data domanda in altro Comune l’entità dei contributi è la seguente:
a) per l’Acquisto con contestuale recupero: 17.500,00 euro
b) per la Ristrutturazione urbanistica, Ristrutturazione edilizia, il Restauro e risanamento conservativo: 15.500,00 euro
c) per la Manutenzione straordinaria, e per gli “Interventi equiparati”: 12.500,00 euro.

Maggiorazioni

L’entità dei contributi è maggiorata nella misura di 2.500,00 euro in favore di determinati richiedenti in condizione di debolezza sociale o economica ovvero:
– anziani (almeno 65 anni compiuti)
– giovani (non ancora compiuti 35 anni)
– singoli con minori

– disabili (ex art. 3 legge 104/1992)
– nuclei familiari monoreddito (ISE con componenti reddituali di un solo componente del nucleo familiare)
– famiglie numerose (almeno tre figli conviventi)
– nuclei familiari con anziani o disabili
– destinatari di sfratto o ordine di rilascio dell’abitazione familiare in sede di separazione o divorzio o scioglimento unione civile.

Le maggiorazioni non sono cumulabili.

Da chi può essere presentata la domanda

Nel caso di interventi di recupero può presentare domanda di contributo il proprietario o l’usufruttuario dell’immobile oggetto dell’intervento edilizio, e nel caso di acquisto con contestuale recupero l’acquirente dell’immobile. Se la proprietà (o anche l’usufrutto nel caso del recupero) è o sarà in capo a due soggetti la domanda dovrà essere presentata insieme da entrambi in FORMA ASSOCIATA (domanda con due richiedenti). La normativa limita questa possibilità ai soli casi in cui i due richiedenti siano:
– coniugi o coppia intenzionata a contrarre matrimonio
– parti di un’unione civile o coppia intenzionata a costituire un’unione civile
– conviventi di fatto o coppia intenzionata a convivere di fatto.

Può essere altresì presentata domanda in forma associata in contitolarità con un soggetto minorenne qualora l’iniziativa deve essere attuata in tale forma per espressa disposizione del giudice a tutela del diritto del minore. Non sono ammessi a contributo altri casi di domanda comunque presentata in forma associata (ad esempio tre o più proprietari, due richiedenti fratelli, due richiedenti genitore e figlio, etc…).

Requisiti per poter presentare domanda

Possono presentare domanda persone maggiorenni che siano cittadini italiani, o cittadini di Stati appartenenti all’Unione europea e loro familiari, o cittadini extracomunitari titolari di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, o titolari di permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno, e che alla data di presentazione della domanda siano anagraficamente residenti nel territorio regionale e lo siano da almeno ventiquattro mesi continuativi (nel caso di domanda presentata in forma associata è sufficiente che il requisito della residenza biennale nel territorio regionale sia posseduto da almeno uno dei due richiedenti).

Inoltre l’articolo 9 del Regolamento prevede il possesso, sempre alla data della presentazione della domanda, di ulteriori requisiti in capo ai richiedenti:
– non essere proprietari, nudi proprietari o usufruttuari di altri alloggi (con esclusione di alloggi dichiarati inagibili, delle quote ereditarie, della nuda proprietà di alloggi in usufrutto a parenti o affini entro il secondo grado, della proprietà di alloggi con diritto di abitazione o con comodato d’uso gratuito da contratto registrato in capo a parenti o affini entro il secondo grado, di alloggi assegnati al coniuge o convivente di fatto o parte di una unione civile in sede di separazione personale o divorzio); tale requisito della proprietà deve essere posseduto oltre che dai richiedenti anche da tutti i componenti il loro nucleo familiare
– non aver beneficiato nei dieci anni precedenti di sovvenzioni, finanziamenti, agevolazioni o contributi per la “prima casa” in proprietà
– possedere, con riferimento al nucleo familiare, un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore a 29.000,00 euro
– possedere un indicatore della situazione economica (ISE) che sia determinato anche sulla base di proprie componenti reddituali (per domande in forma associata tale requisito è richiesto ad almeno uno dei richiedenti).

(I valori ISE e ISEE sono forniti da apposita certificazione rilasciata al privato su istanza da presentare all’INPS o ad un CAAF).

Richiedenti che escono dal nucleo familiare

In caso di domanda presentata da un soggetto che esce dal nucleo familiare di appartenenza, composto da più persone, per costituirne uno nuovo, il requisito del non possesso di altri alloggi è richiesto in capo al solo richiedente (e non anche al resto del suo nucleo familiare) e sull’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) del nucleo familiare è applicata una riduzione pari al 20 per cento, o del 30 per cento nel caso in cui il richiedente non supera i trentacinque anni di età.

Presentazione della domanda

La domanda di contributo deve essere presentata prima della data di inizio dei lavori (per interventi di Recupero) e prima della data di acquisizione della proprietà (per interventi di Acquisto con contestuale recupero). La data di inizio di presentazione delle domande è il 19 dicembre 2016. E’ possibile presentare una sola domanda e con riferimento ad un solo tipo di iniziativa. La domanda verrà registrata in via telematica e inserita in una lista d’attesa tramite un apposito sistema informatico; il documento cartaceo verrà poi inviato a Banca Mediocredito del Friuli Venezia Giulia S.p.A. che si occuperà della gestione del procedimento contributivo. Le domande in lista saranno ammesse a contributo con deliberazione della Giunta regionale fino a concorrenza delle risorse di volta in volta disponibili. La mera presentazione della domanda e la sua registrazione informatica non da diritto all’ottenimento del contributo. Nel corso del procedimento contributivo Banca Mediocredito richiederà la presentazione della documentazione prevista dal Regolamento (articoli 16 e 18), tra la quale, a seconda del tipo di iniziativa: planimetria catastale, progetto sottoscritto da tecnico abilitato, titolo abilitativo comunale ovvero S.C.I.A ovvero Comunicazione di Inizio Lavori al Comune, contratto di compravendita definitivo ovvero decreto del Tribunale di trasferimento della proprietà, documentazione di spesa debitamente quietanzata, dichiarazione di regolare esecuzione sottoscritta dal Direttore dei lavori, certificato di agibilità dell’immobile, etc…

Obblighi dei beneficiari

I beneficiari dei contributi hanno l’obbligo di trasferire la dimora abituale nell’alloggio oggetto del contributo e richiedere al Comune la relativa residenza anagrafica , e di mantenerle per un periodo di cinque anni. Nello stesso periodo vige anche l’obbligo di non locare né alienare l’alloggio. L’inosservanza di tali obblighi comporta la revoca dagli incentivi e la restituzione degli importi eventualmente percepiti maggiorati degli interessi legali.

12 thoughts on “CONTRIBUTI PRIMA CASA FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2017

    1. Cristina Ronco Post author

      Grazie a te per averlo letto e spero possa esserti utile.

      Reply
  1. Milena giorgi

    Più che un commento la mia è una domanda: se la spesa minima sostenuta deve essere 30.000 euro, nel caso di acquisto con contestuale recupero, si intende anche per l’acquisto o devono essere 30.000euro di lavori? Ringrazio se qualcuno mi risponderà

    Reply
    1. Cristina Ronco Post author

      Buongiorno Milena,
      secondo me parliamo di 30.000 euro di lavori. Ma approfondirò con la regione FVG e poi ti aggiorno. Intanto ti ringrazio per aver letto il mio articolo. A PRESTO.

      Reply
      1. Cristina Ronco Post author

        Ciao Milena, ti confermo che i 30.000 euro riguardano i lavori di recupero e/o ristrutturazione, non comprende l’acquisto. Se però chiedi un contributo per acquisto più recupero allora la Regione, se tutti i requisiti corrispondono, ti possono venire assegnati 15.000 euro a fondo perduto.
        Ciao

        Reply
  2. Raquel

    Buonasera voglio chiedere abbiamo preso mutuo casa , che ancora agevolazione prima casa per 10 anni in FGV grazie

    Reply
    1. Cristina Ronco Post author

      Buongiorno, potreste accedere a contributo regionale nel caso faccia opere di recupero.
      Deve fare domanda alla regione prima di iniziare i lavori.
      Cristina

      Reply
  3. stefano

    Buongiorno Cristina,
    grazie dell’articolo, esaustivo!
    Se non ho capito male devo spendere almeno 30.000 € altrimenti non mi danno neanche 1 euro per il recupero?
    La spesa che intenderei sostenere per i lavori si aggira tra i 15.000 e i 20.000 €. Non si può ottenere un contributo in percentuale?
    Grazie,
    Stefano

    Reply
    1. Cristina Ronco Post author

      Buongiorno Stefano,
      premetto che non sono un’esperta, però da quello che ho visto e capito, il limite minimo di spesa è di 30.000,00 euro. In ogni caso e per essere sicura di darvi notizie ancora più certe, mi recherò al più presto in Regione e chiederò conferme.
      Intanto ti ringrazio per aver letto l’articolo e ci sentiamo presto.
      Buona giornata.
      Cristina

      Reply
      1. stefano

        Grazie Cristina,
        credo che nel dubbio spenderò sicuramente i 30.000 €. E siccome ho meno di 35 anni dovrei avere anche la maggiorazione di 2.500 €.

        Un saluto,
        Stefano

        Reply
        1. stefano

          Ti chiedo ancora una cosa. Un appartamento in classe A2 rientra per il contributo?
          Non ho trovato la specifica in merito, sai dirmi dove la trovo?

          Grazie,
          Stefano

          Reply
          1. Cristina Ronco Post author

            Ciao Stefano, ti aggiorno sui contributi regionali per acquisto + recupero :
            – sono sufficienti 20.000 € di spesa e non più 30.000
            – ISEE inferiore a 29.000 €/annui
            – ISEE non può essere a ZERO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *