VOGLIO INTESTARE LA CASA A MIO FIGLIO MINORENNE ! Quali sono i rischi e gli oneri?

By | aprile 7, 2019
Donare casa ai figli

I motivi per cui si decide di intestare la casa a un minore sono diversi. C’è il caso  del genitore che acquista la casa per il figlio minorenne per risparmiargli il mutuo in futuro, ma anche casi in cui la famiglia vuole mettersi al riparo da eventuali liti per l’assegnazione della casa, in caso di una possibile separazione, oppure vuole tutelare il patrimonio famigliare dagli imprevisti di attività commerciali.

in tutti i casi, per intestare la casa a un figlio minore serve l’autorizzazione del Giudice Tutelare del tribunale competente, che valuta che l’operazione sia nell’interesse del minore. Si tratta di un atto di amministrazione straordinaria in favore del minore che non ha capacità di agire.

L’autorizzazione solitamente è richiesta dal notaio al quale ci si rivolge per l’atto di trasferimento dell’immobile. Si tratta di un trasferimento agevole e veloce, non trascorre molto tempo per l’ottenimento dell’autorizzazione.
Per l’intestazione della casa al minore ci sono diversi procedimenti :

  • i genitori acquistano l’immobile e poi lo donano al figlio minore
  • i genitori pagano il prezzo ma l’immobile viene acquistato direttamente dal minore
  • i genitori stipulano l’atto di vendita, procedendo agli adempimenti e al pagamento del prezzo, ma gli effetti del contratto si producono in capo al minore.
    In tutti i casi si deve passare dal Giudice Tutelare.

Ma quanto costa intestare la casa a un minore?
I costi variano a seconda del procedimento utilizzato. Nel primo caso descritto, oltre alle spese per l’acquisto della casa, bisognerà pagare per la donazione.
Per un valore fino a 1.000.000,00 di euro, se la donazione la fanno i genitori, non è previsto il pagamento di imposta di donazione e si pagheranno soltanto le imposte ipotecaria e catastale, pari complessivamente al 3% del valore dell’immobile.
Se si tratta di una prima casa queste due imposte sono fisse.
Se però la donazione non proviene dai genitori o da un parente in linea retta (per esempio i nonni) l’imposta di donazione sarà dovuta (6% per le donazioni da zio a nipote, l’8% per la donazione fatta da estranei. Altri costi sono le spese di registrazione e bollo e l’onorario del notaio.

Se invece si procede negli altri modi illustrati, non si pagheranno le imposte della donazione ma soltanto le imposte per l’acquisto: in caso di prima casa l’imposta di registro al 2% oltre imposta ipotecaria e catastale in misura fissa. Una volta intestata la casa al minore, il bene resta nella proprietà di quest’ultimo e quindi, se i genitori decidono di rivenderlo, dovranno di nuovo chiedere l’autorizzazione al Giudice Tutelare.
In questo caso, però, la procedura è più difficile perché è necessario dimostrare che la vendita è fatta nell’interesse del minore. Tra i motivi validi rientrano quelli per i quali i genitori intendono destinare il corrispettivo della vendita per cambiare casa, sempre da intestare al minore, oppure pagare gli studi del figlio o sostenere le spese per un intervento chirurgico salvavita o, ancora, perché il prezzo viene investito in azioni o titoli del minore.

E’ possibile anche la revoca dell’intestazione della casa a un minore. Per donare la casa a un figlio non ancora diciottenne, è opportuno farlo prima di contrarre eventuali debiti.
Il creditore infatti può chiedere, nei 5 anni successivi, la revoca della donazione effettuata.
si tratta della cosiddetta azione revocatoria, con la quale il creditore può anche arrivare a pignorare la casa. Affinché l’azione revocatoria venga accolta è necessario che il Giudice accerti la malafede del debitore, e cioè che la donazione sia stata fatta per disfarsi dei beni e dichiararsi nullatenente.

Indipendentemente dall’azione revocatoria, invece, se il creditore si è pregiudicato dalla donazione, può procedere all’esecuzione forzata e quindi alla vendita all’asta del bene, anche se intestato al minore con donazione, se trascrive il pignoramento nel termine di un anno dalla data in cui l’atto è stato trascritto.
E’ importante tenere presente che quando si acquista la casa per un figlio minorenne si effettua una donazione a tutti gli effetti. Se ci sono altri eredi legittimari è necessario donare loro un bene di pari valore o somma di denaro corrispondente, per evitare che la donazione possa essere un giorno impugnata per violazione della legittima.

Articolo tratto da “Idealista.it”

Ti ho parlato di argomenti molto importati e fondamentali da sapere per affrontare l’acquisto di una casa, se senti la necessità di approfondire, non esitare a contattarmi, ti fornirò una consulenza accurata di almeno 1 ora, completamente GRATIS!!

🔸 E’ da tempo che cerchi casa e sei stanco di vedere case non adatte a te?

🔸 Sei stufo di avere a che fare con agenti immobiliari che hanno a cuore solo la loro provvigione e che cercano di venderti le case che hanno a catalogo?

Domoria è l’UNICO sistema in cui sarai tutelato al 100% da un professionista che lavora solo per te e nel tuo esclusivo interesse.

Per essere sicuri di fornire un servizio accurato e preciso ho deciso di seguire al massimo 5 persone alla volta, quindi contattami SUBITO per verificare di avere la possibilità di inserirti fra i miei clienti.

Chiamami al ➡️ 348 7152552

O inviami un messaggio su Whatsapp ➡️ http://bit.ly/2MXaVrP

Cristina Ronco – Agente Immobiliare Domoria Gorizia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *