Isolare il Cappotto della nostra Casa

By | marzo 4, 2018
perdite termiche

perdite termiche

Una delle domande ricorrenti di chi sta cercando ” la casa per tutta la vita” è quella di conoscere se la dimora che stanno vedendo, ha un’efficienza energetica tale da potergli far risparmiare centinaia di Euro all’anno…In caso contrario, chiedono come poter intervenire.
Qui di seguito un articolo molto interessante su come :

Isolare il cappotto della casa

Isolamento e cappotto per aumentare l’efficienza di un edificio, i materiali eco-naturali possono essere una risposta.

Combattere le dispersioni termiche è, per l’ambiente e per le bollette, fondamentale. Per raggiungere l’obiettivo sono numerosi gli interventi possibili, spaziando, ad esempio, fra la sostituzione degli infissi, l’aggiornamento degli impianti, l’adeguamento della copertura oppure la riqualificazione attraverso un nuovo isolamento delle strutture.

Anche in questo ambito è possibile scegliere fra i diversi sistemi, dai cappotti per esterni e per interni, ai semplici pannelli. Stringendo sempre di più l’ambito d’azione, si può fare un ulteriore passo in avanti, che non riguarda solo i metodi e le tipologie di posa in opera, ma anche gli specifici materiali di cui sono composti i pannelli.

Se le soluzioni più frequenti sono basate sull’uso di materiali di sintesi, fra cui il polistirene espanso sinterizzato (EPS), sta crescendo la consapevolezza che scegliere materiali di origine naturale, dal sughero alla cellulosa, permette di migliorare non solo le performance di isolamento dell’involucro ma anche il livello di comfort abitativo.

I benefici dell’isolamento a cappotto

cappotto della casacappotto disegno sezione

I vantaggi relativi all’applicazione dei sistemi a cappotto sono trasversali rispetto ai materiali di cui è composto; si attesta (fonte: Cortexa, Consorzio per la Cultura del Sistema a Cappotto) che l’applicazione di un cappotto termico per esterni, posato a regola d’arte e certificato, consente di ridurre le bollette del 45%, perché grazie all’isolamento dell’edificio si abbatte la dispersione termica e quindi il consumo di energia per riscaldare e raffreddare. Un altro numero, relativo al rispetto per l’ambiente: con un cappotto si risparmiano 630 kg di CO2 all’anno per ogni abitazione. Non ultimo, grazie a questi accorgimenti il valore dell’immobile subisce un sicuro incremento, parallelo all’innalzamento della classe energetica di riferimento.

Quali plus con i materiali naturali

Se, quindi, i benefici conseguenti all’applicazione di un cappotto termico sono assodati, è curioso approfondire l’aspetto relativo ai materiali di cui il sistema è composto. Quando di origine naturale, gli isolanti permettono non solo di contenere le dispersioni termiche ma anche di garantire la salubrità dell’aria, dichiarando guerra all’inquinamento indoor. “Il cappotto oltre a isolare termicamente deve garantire comfort abitativo”, dichiarano da CMF Greentech, “e le fibre naturali, come la canapa, garantiscono completa permeabilità al vapore, evitando qualsiasi tipo di condensa”. Spazio a canapa, sughero, cellulosa, lana e fibra di legno, quindi.

1. Il sughero

sugherosughero internosughero strati

Lo spessore di un centimetro per un pannello di sughero corrisponde al 25% di miglioramento delle dispersioni termiche (fonte: Tecnosugheri): da questa dichiarazione, una conferma sulle potenzialità di questo materiale, tanto efficiente quanto di facile approvvigionamento, considerando la sua diffusione in regioni come la Sardegna e in paesi come il Portogallo. Composto in pannelli, è garanzia di un intervento green, grazie anche al fatto che si tratta di un materiale imputrescibile, impermeabile e inattaccabile da muffe e roditori. Ha prestazioni coibenti ottime e inalterate nel tempo, resistente al fuoco e non contiene formaldeide e acetaldeide, componenti deleterie per la salubrità degli ambienti residenziali.

2. La cellulosa

cellulosa

Nella maggior parte dei casi ricavata da carta riciclata che viene sfibrata seguendo un processo diviso per tappe, la fibra di cellulosa rappresenta un’ulteriore alternativa green. Alcuni dati (fonte: Isolare): uno strato di 30 cm di isolamento a base di fibra di cellulosa sulla copertura riduce del 90% la dispersione e porta a un risparmio sulle spese di riscaldamento del 25-35% a seconda della struttura esistente, oltre a garantire il comfort residenziale. Per il sistema a cappotto le soluzioni sono disponibili sul mercato e, con l’aggiunta di alcune componenti, come il sale di boro, si aumenta la sicurezza in caso di incendi oltre alla resistenza a muffe e parassiti.

3. La lana

lana

Daniela Ducato, imprenditrice sarda fondatrice di Edizero – che nel 2015 ha ottenuto il riconoscimento di “campionessa mondiale di innovazione” dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella – propone, fra i biomateriali lavorati dalla sua azienda, un sistema di isolamento basato sull’uso della lana delle pecore sarde. Da sempre usata per filati e tappeti, la lana vergine è anche un eccezionale isolante termico, chiaramente a impatto zero e lavorabile sotto forma di pannelli e rulli, per fare in modo che si possa comporre un sistema di isolamento a cappotto per interni o per esterni.

4. La fibra di legno

fibra di legno

Pressate e legate in modo meccanico per comporre pannelli, le fibre di legno hanno eccellenti proprietà isolanti, sono traspiranti e di provenienza controllata. Le aziende che lo scelgono, infatti, possono basarsi sull’uso di legno certificato FSC, quindi soggetto a riforestazione programmata. Ad alte prestazioni, i pannelli in fibra di legno possono essere usati sia per il capotto, sia per singoli interventi di isolamento termico, per pareti verticali, orizzontali o coperture. L’omogeneità del materiale fa in modo che l’efficienza del sistema sia costante.

5. La canapa

canapacanapa 2
Fonte rinnovabile, a rapida ricrescita, con caratteristiche di permeabilità al vapore che condensa fra isolante e muro esterno, la canapa è uno dei materiali di maggior uso nei sistemi di isolamento. Riciclabili, gli elementi in canapa vengono declinati in funzione della richiesta edile, quindi in pannelli di diverso spessore e tipologia, ciascuno, però, caratterizzato da semplice lavorabilità, proprietà traspiranti e totale assenza di componenti di disturbo per chi soffre di irritazioni cutanee o problemi alle vie respiratorie.

Ultima tappa: le finiture

finiture

Sia che si tratti di cappotto per esterni che per interni, l’ultimo capitolo riguarda la finitura da applicare sull’ultimo strato di isolamento. Oggi il mercato è molto vario e comprende anche numerose soluzioni pensate per contenere l’impatto ambientale e garantire il comfort abitativo. Dalle pitture foto-catalitiche, in grado di combattere l’inquinamento e con proprietà autopulenti diffuse soprattutto per i prospetti esterni, ai colori basati su formulazioni all’acqua e componenti naturali, la scelta è davvero ampia.

Mi auguro di averti fornito anche oggi delle notizie utili e di aver risposto ad alcune domande, anche se la più importante potrebbe essere : “ma quanto costa ?” Te lo svelerò nel prossimo articolo.
A Presto !
Cristina Ronco Agente Immobiliare Domoria per Gorizia e Provincia (Lasciaci Trovare la Casa che Amerai)
www.domoria.com
www.lacasacheamerai.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *